Codice Civile


LIBRO TERZO
Della proprietà
TITOLO I
Dei beni
CAPO II
Dei beni appartenenti allo Stato, agli enti pubblici e agli enti ecclesiastici

Art. 824

Beni delle province e dei comuni soggetti al regime dei beni demaniali
TESTO A FRONTE

I. I beni della specie di quelli indicati dal secondo comma dell'articolo 822, se appartengono alle province o ai comuni, sono soggetti al regime del demanio pubblico.

II. Allo stesso regime sono soggetti i cimiteri e i mercati comunali.


GIURISPRUDENZA

Mutamento di destinazione d’uso (da palestra ad autorimessa) di immobile di proprietà esclusiva – Connessa apertura di diversi accessi carrabili su strada comune, assoggettata a servitù di uso pubblico – Contrasto con l’art. 1102 c.c. – Sussistenza – Fondamento.
Il mutamento di destinazione d'uso, da palestra ad autorimessa, di un immobile posto su una strada privata ad uso pubblico, con la connessa apertura di sei accessi carrabili, anche se assistito dal rilascio delle relative concessioni, contrasta con l'art. 1102 c.c., in quanto impedisce agli altri condomini di continuare a fruire pienamente della possibilità di parcheggiare secondo le antecedenti modalità. (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. II, 15 Settembre 2021, n. 24937.


Ius sepulchri – Sepolcro gentilizio o familiare – Sepolcro ereditario – Distinzione – Presunzione di natura gentilizia.
Il diritto di sepolcro, ossia il diritto alla tumulazione in un determinato luogo, nel caso di sepolcro ereditario, spetta, in base a trasferimenti inter vivos o mortis causa, anche a soggetti estranei alla famiglia; mentre, nel caso di sepolcro gentilizio o familiare (noto anche come sepolcro iure sanguinis), tale essendo costituito dalla volontà del fondatore, il diritto spetta ai soli familiari, i quali lo acquistano iure proprio sin dal momento della nascita. La natura gentilizia o familiare del sepolcro si presume in mancanza di contraria volontà del fondatore. (Marta Gilli) (riproduzione riservata) Tribunale Ivrea, 30 Giugno 2020.