Diritto Civile


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 24580 - pubb. 01/12/2020

Addizionali alle accise sull’energia elettrica in contrasto con il diritto dell’Unione Europea

Tribunale Milano, 16 Novembre 2020. Est. Cristina Giannelli.


Addizionali alle accise sull’energia elettrica ex art. 6, comma 2, del d.l. 511/1988 – Contrasto con il diritto dell’Unione Europea – Indebito oggettivo – Condanna alla restituzione – Sussiste



Il principio di diritto sancito dalla Corte di Giustizia UE con le sentenze 5 marzo 2015, in causa C-553/13, e 25 luglio 2018, in causa C-103/17, è di per sé idoneo e sufficiente ad imporre al giudice nazionale di disapplicare, anche nell’ambito di controversie che coinvolgono soltanto soggetti privati, l’art. 6, comma 2, D.L. 551/1988, in quanto norma interna che si pone, in base ai principi enunciati dalla Corte, in contrasto con il diritto dell’Unione Europea.
Dalla necessaria disapplicazione dell’art. 6, comma 2, del d.l. 511/1988, su cui si fondava l’addebito a titolo di addizionale provinciale all’accisa, discende il diritto del consumatore finale a vedersi restituite dal fornitore le somme pagate a tale titolo. (Nicola Cera) (Luca Valle) (riproduzione riservata)


Segnalazione degli Avv.ti Nicola Cera e Luca Valle



Il testo integrale