Diritto della Famiglia e dei Minori


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 8678 - pubb. 20/03/2013

L’animale non è una cosa ma un essere senziente

Tribunale Milano, 13 Marzo 2013. Est. Buffone.


Animali – Collocazione concettuale nel codice civile – Cose mobili – Interpretazione evolutiva – Sussiste – Esseri senzienti.



L’animale non può essere più collocato nell’area semantica concettuale delle “cose” dovendo essere riconosciuto come “essere senziente”. Non essendo l’animale una «cosa», bensì un essere senziente, è legittima facoltà dei coniugi – in sede di separazione – quella di regolarne la permanenza presso l’una o l’altra abitazione e le modalità che ciascuno dei proprietari deve seguire per il mantenimento dello stesso. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Dott. Giuseppe Buffone


Il testo integrale