Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 1412/2008p - pubb. 01/07/2007

.

Tribunale Napoli, 22 Ottobre 2008, n. 0. .


Concordato fallimentare – Opposizione alla omologazione – Oggetto del giudizio – Deduzione di questioni attinenti alla convenienza della proposta.



Se la lettera dell’art. 125, comma 5, legge fall., pare consentire da parte del tribunale un giudizio comparativo di convenienza solo nel caso di opposizione di un creditore che appartenga ad una classe dissenziente, va tuttavia rilevato che un diversificato trattamento normativo risulta irragionevole rispetto al principio dettato dall’art. 3 Cost. E poiché la norma non indica i limiti del sindacato del tribunale e dei motivi d’opposizione, potrebbe essere corretta anche un’interpretazione costituzionalmente orientata che consenta al creditore opponente di svolgere censure attinenti anche alla convenienza del concordato. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)