Diritto Societario e Registro Imprese


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 26190 - pubb. 19/11/2021

Revocatoria della scissione: oggetto dell’azione sono le attribuzioni patrimoniali conseguenti all'operazione

Tribunale Roma, 23 Febbraio 2021. Pres. Di Salvo. Est. Romano.


Azione revocatoria – Atto di scissione – Precisazione terminologica – Attribuzioni patrimoniali conseguenti all'operazione



L'azione revocatoria ordinaria e fallimentare può ritenersi ammissibile anche ove diretta contro un atto di scissione (rectius: contro gli effetti patrimoniali scaturenti dall'atto di scissione), proprio perché mediante tale azione non si mira a ricostituire l'assetto societario preesistente all'atto di scissione, ma solo alla reintegrazione della garanzia patrimoniale del debitore inciso da tale operazione mediante la declaratoria di inefficacia dei trasferimenti patrimoniali scaturiti dalla stessa.

Pertanto, il creditore di società che si è scissa può impugnare con l’azione revocatoria le attribuzioni patrimoniali conseguenti all'operazione con un’azione, la quale mira ad ottenere l'inefficacia relativa dell'atto, che lo rende inopponibile al solo creditore pregiudicato, al contrario di ciò che si verifica nell'opposizione dei creditori sociali prevista dall'art. 2503 c.c. che è finalizzata a farne valere l'invalidità. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Il testo integrale