Diritto Societario e Registro Imprese


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 26243 - pubb. 01/12/2021

Posizione dell'assuntore del concordato fallimentare rispetto alla clausola arbitrale

Tribunale Roma, 26 Aprile 2021. Est. Romano.


Fallimento – Concordato fallimentare – Assuntore – Opponibilità della clausola arbitrale – Consorzio



La clausola compromissoria contenuta nello statuto di un consorzio dichiarato fallito è applicabile ai giudizi iniziati dal curatore per far valere diritti preesistenti alla procedura concorsuale, a differenza di quanto accade per l'azione di responsabilità proposta dallo stesso curatore verso gli amministratori del consorzio, trattandosi di azione volta alla reintegrazione del patrimonio sociale nell'interesse dei soci e dei creditori per i quali la clausola non può operare trattandosi di soggetti terzi rispetto alla società.

In tema di concordato fallimentare, l’assuntore subentra nei rapporti attivi e, attraverso la proposta di concordato fallimentare, si pone, pertanto, nella stessa posizione del curatore; in proposito, la Suprema Corte ha, infatti, affermato che “il curatore fallimentare che agisca giudizialmente per ottenere il pagamento di una somma già dovuta al fallito esercita un’azione rinvenuta nel patrimonio di quest’ultimo, collocandosi nella medesima sua posizione, sostanziale e processuale, sicchè il terzo convenuto in giudizio dal curatore può legittimamente opporgli tutte le eccezioni che avrebbe potuto opporre all’imprenditore fallito, comprese le prove documentali e senza i limiti di cui all’art. 2704 c.c.

Ne deriva che, in caso di chiusura del fallimento per concordato fallimentare, l’assuntore che prosegua o intraprenda analoghe iniziative giudiziarie verso il terzo viene a trovarsi nella medesima posizione processuale che aveva o avrebbe avuto il curatore; sia al curatore che all'assuntore, la controparte può pertanto opporre senza limiti lo stesso contratto (ed il documento che lo incorpora) per fondarvi una sua eccezione o un suo contro-diritto. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale